BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Rimbalzo borse fallito: crollo negli Stati Uniti e Giappone ancora -10% così come Europa stamattina

Nuovo ribasso per la borsa di Wall Street, crollano le Borse europee e a Tokyo il Nikkei ha perso oltre il 11%.




Nuovo ribasso per la borsa di Wall Street: dopo un avvio speranzoso, infatti, gli indici statunitensi hanno intrapreso la strada del ribasso per il settimo giorno consecutivo, con il Dow Jones che è scivolato sotto i 9.000 punti, mentre tra gli investitori restano i timori che l'azione concertata dalle banche centrali mondiali del taglio dei tassi, per rafforzare il mercato del credito, non sia abbastanza efficace per evitare una recessione globale.

Il Dow Jones ha perso il 7,33% a 8.579,19 punti mentre il Nasdaq ha ceduto il 5,47% a 1.645,12 punti. Giù anche il più ampio panere S&P500 con una flessione del 7,62% a 909,92 punti. E’ dall11 settembre del 2001 che a New York non si respirava un’aria così tesa. Solo ieri sono andati in fumo circa 50.000 posti di lavoro.

Chi ha investito i propri risparmi in borsa ha perso in media il 30%, chi aveva deciso di non lavorare più dovrà aspettare ancora un pò. E naturalmente il tema della crisi economica è la questione centrale affrontata dai due candidati, Obama e McCain in corso alla Casa Bianca. Dopo l'ennesimo crollo di Wall Street, George W. Bush tornerà a rivolgersi agli americani per rassicurarli sull'efficacia delle misure adottate per preservare i loro risparmi. Il tonfo della borsa statunitense rimbalza anche nel resto del mondo e le notizie sono catastrofiche.

 A Tokyo il Nikkei ha perso oltre il 11%, e chiuso a -9,6%: mai così male da 21 anni. Addirittura la Yamato life insurance, la prima società assicurativa giapponese, è stata costretta a chiudere, in seguito alla crisi che sta attraversando le Borse di tutto il mondo. La società, nata 98 anni fa, è arrivata a debiti per 269,5 miliardi di Yen (pari a 2,68 miliardi di dollari).

Sulla scia di Tokyo a Hong Kong l'indice Hang Seng segna un ribasso del 7,95% a 14.676 punti. Male anche il Kospi di Seul (-4,13% a 1.241 punti) e il Set della borsa Thailandese (-8,02% a 459,91 punti).

La Borsa di Mosca resta chiusa, Piazza affari a picco in apertura: il Mibtel segna -8,1% e l'S&P Mib -9%. Sul listino principale molti titoli hanno iniziato le contrattazioni in ritardo per eccesso di ribasso. Sul listino principale a picco Unicredit (-13,6%) e Telecom (-13,5%). Crollo anche alla Borsa di Francoforte, dove l'indice Dax perde più del 10%, a Londra, dove l'Ftse segna -9,72% a 3.877 punti, e a Parigi Parigi -7,46%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il