BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Garanzia conti correnti dopo decreto Governo: più sicuri i depositi in banca

Il Governo ha varato il decreto per garantire i risparmiatori e stabilizzare il sistema bancario.



Il Governo ha varato il decreto per garantire i risparmiatori e stabilizzare il sistema bancario. Il piano prevede garanzia statale per i depositi fino a 103mila euro per 36 mesi, a integrazione del fondo interbancario e copertura del Tesoro per i finanziamenti extra erogati da Bankitalia alle banche in difficoltà.

Gli strumenti di finanziamento studiati sono stati quattro e quattro le modalità di reperire le somme: il decreto legge per la stabilità del sistema creditizio indica come provvedere alle eventuali esigenze finanziarie delle banche. Ultima della lista, l'emissione di titoli del debito pubblico.

Non viene indicata nessuna cifra nel testo del decreto salva banche, ma il decreto stabilisce come trovare i mezzi finanziari che si rendessero necessari. L'individuazione delle somme avviene nella chiara situazione di emergenza, con decreto del presidente del Consiglio dei ministri (Dpcm), su proposta del ministro dell'Economia. L

e somme individuate vengono iscritte in un apposito capitolo dell'Economia e i conseguenti decreti di variazione del bilancio trasmessi in Parlamento. Oltre all'emissione di debito pubblico, il decreto indica altri tre modi di trovare i denari: innanzitutto, la riduzione lineare delle dotazioni finanziarie dei ministeri, ad eccezione di quelle incomprimibili (stipendi, pensioni, interessi, trasferimenti obbligatori agli enti territoriali).

Ma le esigenze cui far fronte sono di due tipi diversi: una, di ampio respiro, è quella di ricapitalizzare una banca; l'altra, immediata, di provvista agli sportelli di un istituto di credito nel caso di una crisi di liquidità. Nel primo caso, la situazione può essere affrontata con denari raccolti da emissioni di titoli, nel secondo, è necessario un modo rapido di reperire le risorse.

In questo caso si tratterebbe di prenderle dalla Tesoreria dello Stato o dalle contabilità speciali intestate ad amministrazioni pubbliche o a enti pubblici nazionali, a eccezione dei denari delle amministrazioni territoriali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il