BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Borse conviene comprare azioni, si è toccato il minimo? Probabilmente ancora no

E’ il momento giusto per entrare in Borsa o sarebbe meglio pazientare ancora?



E’ il momento giusto per entrare in Borsa o sarebbe meglio pazientare ancora? Gli indici hanno toccato il fondo venerdì 10 ottobre, dopo aver perso il 43% l'S&P e il 49% lo Stoxx dai massimi dello scorso anno?

Dopo un inizio di settimana che fatto salire di nuovo l’entusiasmo e ha fatto credere che la passione delle Borse mondiali stesse per terminare, mercoledì e giovedì si è ritornato nell’abisso delle incertezze. Ma qualcosa sembra essersi mosso e questi movimenti dipendono dai piani di salvataggio messi in atto da Usa e Europa.

Pare, infatti, che i piani di intervento lanciati dai principali Paesi per salvare le banche e assicurare loro la necessaria liquidità, abbiano cambiato il volto e l’andamento della crisi del credito.

La paura di un crollo del sistema finanziario è passata in secondo piano, perché consapevoli della copertura dei fondi stanziati dai diversi governi, ma sono riemerse le conseguenze di una bolla del credito che si sgonfia a ritmi sempre più rapidi per la forzata restituzione dei debiti. Siccome le banche devono ridurre i rischi, pretendono la restituzione dei prestiti concessi agli investitori: in particolare agli hedge fund, già gravati dalla pressione dei riscatti e costretti parecchi a chiudere i battenti.

Scendono i prezzi ma forzatamente. Basti pensare al rapido sgonfiarsi dei costi delle materie prime: le quotazioni del petrolio sono più che dimezzate rispetto a giugno, quelle del rame sono calate del 46%, il costo dei noli marittimi è sceso dell'88%, a livelli che non si vedevano dalla recessione del 2001-02. Tutto questo ha portato a osservare con maggiore razionalità le conseguenze di una recessione ormai certa ed evidente. Meglio allora aspettare un altro bel pò per avventurarsi in acquisti di azioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il