Taglio tassi di interesse in Europa a Novembre 2008. E Euribor diminuirà pian piano

Il prossimo incontro del Consiglio direttivo, in programma il 6 novembre prossimo potrebbe portare ad un nuovo taglio dei tassi monetari dell'Eurozona.



Il prossimo incontro del Consiglio direttivo, in programma il 6 novembre prossimo potrebbe portare ad un nuovo taglio dei tassi monetari dell'Eurozona, ora al 3,75%.

Ma il presidente della Bce, Jean-Claude Trichet, sottolinea che si tratta di una certezza ma solo di una possibilità. Il tutto, infatti, dipenderà dai dati in arrivo dalla congiuntura. E se i tassi legati alla Bce dovessero essere tagliati, si abbasserà pian piano anche l’Euribor, a maggior ragione se i piani di salvataggio e i programmi dei diversi governi porteranno ad una maggiore, e ritrovata, fiducia dei mercati.

Sarà, comunque, necessario un po’ di tempo prima che le banche europee prendano piena coscienza dell'eccezionalità delle misure adottate dal Bce e dai governi e le trasferiscano sul tasso dei prestiti interbancari Euribor, ma sicuramente, spiega il presidente della Bce, lo faranno.

Le nuove garanzie proposte dai piani dei Governi sono, senza dubbio, senza precedenti e dovrebbero essere pienamente incorporate nelle politiche delle banche commerciali.

Nel frattempo, la moneta unica dell’euro continua a perdere terreno nei confronti delle principali valute e prosegue la sua discesa nei confronti del dollaro e della moneta nipponica: il cambio euro/yen scende a 116,55. E a pesare sull'euro sono le attese relative ad un nuovo taglio del costo del denaro da parte della Banca centrale europea.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il