BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Assassino Obama: tentativo di uccidere il candidato sventato da parte di un gruppo neonazista.

attentato sventato contro il primo candidato presidente afro-americano nella storia degli Stati Uniti.



Attentato sventato, ad una settimana dal fatidico giorno del voto in Usa, contro il primo candidato presidente afro-americano nella storia degli Stati Uniti.

Due giovani skinhead sono stati arrestati in Tennessee e in Arkansas con un piano per rapinare un negozio di armi, uccidere Obama e ''il numero più alto possibile'' di neri. I due neonazisti skinhead erano pronti a morire una volta portata a termine la loro impresa.

Non è la prima volta che si parla di complotti per assassinare il candidato democratico che raduna ai suoi comizi folle oceaniche e che da mesi viene controllato in maniera serrata dagli uomini del Secret Service. Già nei giorni della Convention di Denver quattro balordi erano stati fermati, e poi rilasciati per insufficienza di prove, con l'accusa di aver cospirato per uccidere il candidato democratico.

I due giovani arrestati sono stati definiti dagli investigatori due fanatici delle filosofie del 'Potere Bianco’. I due si erano messi in contatto via Internet con i siti frequentati dai supremazisti ariani e avrebbero progettato una rapina a un negozio d'armi.

Il piano, stando all'indagine condotta dagli agenti federali che si occupano di lotta ai traffici di armi ed esplosivi, prevedeva l’uccisione di 88 neri a colpi di arma da fuoco e la decapitazione di altri 14. E la scelta dei numeri non è casuale. Secondo l'Anti-Defamation League, un'organizzazione di matrice ebraica che si batte contro razzismo e antisemitismo, infatti,  88 significa 'Heil Hitler' e viene usato spesso nella letteratura neonazista.

La lettera 'H' e' l'ottava dell'alfabeto, da qui 88. Il numero 14 è, invece, legato al numero delle parole della frase '’We must secure the existence of our people and a future for white children’ (Dobbiamo assicurare l'esistenza del nostro popolo e un futuro per i bambini bianchi). La corsa alla Casa Bianca continua prepotentemente.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il