BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Detassare le tredicesime. Berlusconi è possibilista, anche se avverte che i fondi sono scarsi

Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, si dice disponibile all’idea di detassare le tredicesime.



Detassare le tredicesime: il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, si dice disponibile all’idea di detassare le tredicesime, una proposta avanzata, tra gli altri, dal leader dell'opposizione Walter Veltroni.

Lo stesso leader del Pd ha, infatti, sostenuto che per per fronteggiare la crisi non basta intervenire a sostegno delle banche e delle grandi imprese, occorre aiutare tutto il tessuto di piccole e medie imprese ma soprattutto sostenere il livello delle famiglie intervendo sui salari e le pensioni.

Ma i fondi sono pochi, sottolinea il Cavaliere. Il premier, ritornando sulla crisi delle banche, ha ribadito l'intenzione dell'esecutivo di offrire sostegno agli istituti in caso di richiesta da parte degli istituti di credito. Il premier annuncia che il governo sta preparando varie misure per sostenere l’economia reale e le famiglie colpite dagli effetti della crisi dei mercati.

Di fronte alla bufera finanziaria che travolge anche l'Italia sono allo studio varie ipotesi sulla possibilità di detassare le tredicesime, ma tutto dipende dai fondi a disposizione. Berlusconi continua sostenendo di essere abbastanza ottimista.

Le Borse sono ripartite e il sistema delle banche è solido. Ma, ha avvertito, se le banche lo richiederanno il governo è a disposizione per intervenire senza però che questo intervento significhi in alcun modo come qualcosa di imposto o di imperativo. Senza che significhi in alcun modo che ci sia alcuna conseguenza per i dirigenti e gli amministratori delegati.

autore:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il