BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Le migliori pubblicità e spot promozionali 2008 premiati a Milano. I casi migliori

A Milano la ‘Notte dei Pubblivori’, una maratona con 500 spot selezionati da 800 mila produzioni provenienti da tutto il mondo



C’è chi, durante una bella visione di un film, cambia canale non appena va in onda l’interruzione pubblicitaria. C’è, invece, chi guarda le pubblicità esattamente come fossero mini film.

Dedicato a loro si è svolta a Milano la ‘Notte dei Pubblivori’, una maratona con 500 spot selezionati da 800 mila produzioni provenienti da tutto il mondo. Spot celebri e meno celebri, italiani e stranieri, del presente e del passato, come i grande classico porno-soft dell’acqua Perrier del 1985, o il moderno pensato contro la deforestazione ideato per Greenpeace 2007 in cui un boscaiolo torna a casa dopo aver abbattuto un albero e, legge del contrappasso, trova la moglie a letto con un orso, si sono susseguiti per la gioia degli spettatori.

Applausi anche per il marchio di rasoi Wilkinson. Le pubblicità funzionano e a promuoverne il successo è certamente la creatività e la fantasia nel dar vita a delle piccole pellicole in tv e al cinema che sponsorizzino un prodotto. Ma la pubblicità non è solo questo.

E’ la maggior forma di investimento da parte di ogni tipo e genere di casa produttrice, ma è anche trampolino di lancio di personaggi poi diventati famosi. Basti pensare gli ex sconosciuti Stefano Accorsi per il Maxibon e la Charlize Theron dal gonnellino stramato nello spot Martini.

I testimonial sono, però, anche coloro che già famosi danno un maggior spessore allo spot.  E allora, perché cambiare canale?

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il