BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pagamenti in ritardo sempre più insoluti. Imprese ricevono incassi fatture sempre più tardi

Il Governo sta valutando forme di sconto e flessibilità per le imprese che vantano crediti con le pubbliche amministrazioni.



Sempre più in ritardo i pagamenti alle imprese: pagano a volte a 400 giorni al Sud contro una media Ue di 65, c'è la stretta bancaria sui piccoli, ma soprattutto c'è il ritardo nei pagamenti tra privati, il vero elemento nuovo e devastante di questa crisi.

Il Governo sta valutando forme di sconto e flessibilità per le imprese che vantano crediti con le pubbliche amministrazioni. Il problema delle pubbliche amministrazioni che pagano in ritardo i privati non è certo nuovo ed è comunque piuttosto sviluppato, soprattutto nel settore della sanità.

I vincoli fiscali introdotti di recente hanno poi contribuito a complicare ulteriormente la situazione, perché il decreto legge 262/06 ha introdotto una forma di tutela per il debitore pubblico attraverso il filtro fiscale ai pagamenti. Esso consiste nel fatto che per pagamenti superiori a 10mila euro le pubbliche amministrazioni devono verificare, mediante la banca dati di Equitalia (la società pubblica di riscossione) l'esistenza a carico del creditore di debiti nei confronti di Erario e Inps.

 Il ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta, ha spiegato allora alla commissione Semplificazione normativa della Camera che le misure potrebbero rientrare nel pacchetto anticrisi del Governo. Brunetta, insieme all’operazione trasparenza che sta mettendo sotto torchio i dipendenti statali, lavora a misure che dovrebbero garantire la possibile introduzione di forme di flessibilità o sconto nei confronti delle imprese in caso di ritardato pagamento o ritardata autorizzazione da parte della Pubblica amministrazione.

Ma le novità non finiscono qui perché le misure dovrebbero essere garantite non solo alle imprese ma anche alle famiglie e, secondo quanto annunciato dal ministro dell Funzione Pubblica, anche alle banche.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il