BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Finanziamenti per imprese da Unicredit e Confidi per agevolare credito nel periodo crisi

Unicredit e Confidi al servizio dei clienti: stanziati cinque miliardi di euro.



Unicredit e Confidi al servizio dei clienti: cinque miliardi di euro stanziati con l’obiettivo di favorire l'accesso al credito da parte delle piccole e medie imprese. È questa la cifra prevista per il progetto Impresa Italia, presentato da Alessandro Profumo, amministratore delegato del gruppo bancario, e realizzato in collaborazione con le associazioni di categoria, governo e Confidi.

Il progetto Impresa Italia è sostenuto dalla capacità economico-finanziaria di Unicredit, grazie anche al capitale aggiuntivo offerto dai loro azionisti. Tre dei 5 miliardi stanziati saranno messi a servizio delle microimprese, 2 alle medio piccole, e le aziende potranno contare sia su crediti a breve termine per il rafforzamento della gestione del circolante aziendale, sia su finanziamenti a medio-lungo termine per effettuare i propri investimenti.

Il nuovo progetto, la cui presentazione arriva a poche settimane dal varo di un aumento di capitale da 6,6 miliardi di euro complessivi e mentre si discutono ancora una serie di misure per un ulteriore rafforzamento patrimoniale dei principali gruppi creditizi del Paese, si impegna ad aiutare la ri-crescita dell’economia italiana nel corso di questo periodo di forte crisi finanziaria.

In prima fila l’istituto di credito milanese, insieme alle principali associazioni di categoria (Casartigiani, CIA, CNA, Coldiretti, Compagnia delle Opere, Confagricoltura, Confapi, Confartigianato, Confcommercio, Confindustria) e delle cinque principali Federazioni dei Confidi (CreditAgri, Fedart Fidi, Federascomfidi, Federconfidi, Fincredit).

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il