BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Costi affitti case sempre più alti nelle città italiane. Confronti. Prezzi non diminuiscono

Crescono gli affitti in ogni parte della penisola. La situazione non è migliore per chi decide di acquistare una casa.



I risultati di un'indagine condotta da Uil ha calcolato in che percentuale pesa sul reddito degli italiani il costo dell'affitto. Risultato? Incide sulle spese attestandosi intorno al 68%.

Secondo i dati emersi dal  rapporto Famiglia, reddito, casa, a sopportare di più sono le famiglie romane che pagano un canone d'affitto medio di 1.782,7 euro al mese. Non va meglio la situazione per i veneziani con 1.470 euro, pari al 56,7% del reddito, seguiti dai fiorentini (1.082,7 euro e 41,7%) e dai milanesi che spendono 997,5 euro con un'incidenza del 38,4% sul reddito.

A Caltanissetta si spende di affitto solo il 9% del reddito, mentre a Trapani per un appartamento di 70 metri quadrati bastano 246,75 euro al mese, pari al 9,5% del bilancio familiare. Se i prezzi degli affitti, più o meno, scoraggiano comunque in ogni parte della penisola, le cose non vanno meglio per chi decide di acquistare una casa.

Per fare qualche esempio, basti pensare che a Romanel primo semestre il costo medio di un appartamento di 70 metri quadrati è arrivato a 425.833 euro, con un aumento pari al 4,6% rispetto allo scorso anno. A Milano i prezzi sono saliti del 2,7% a 296.920 euro e a Bologna dello 0,9% a 269.500 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il