Comprare casa con mutuo di 30 anni: il proprio stipendio non basta

Nelle grandi città per effetto dell'aumento dei tassi sui mutui e dell'incremento delle quotazioni immobiliari diventa più difficile acquistare una casa. Meglio nei centri di minori.



La crisi finanziaria globale ha maggiormente colpito il settore immobiliare e, nonostante si dice che al più presto il prezzo del mattone tornerà a scendere, le cifre di ora non sono certo confortanti. 

Nelle grandi città per effetto dell'aumento dei tassi sui mutui e dell'incremento delle quotazioni immobiliari diventa sempre più difficile, infatti, acquistare una casa. Va meglio nei centri di minori. E la differenza sta nel fatto della considerazione delle condizioni di vita, socialmente ed economicamente diverse tra nord e sud.

Secondo risultato di un'indagine realizzata da ‘Scenari Immobiliari’ che ha messo a confronto le rate di mutuo ottenibili dai potenziali acquirenti prendendo in considerazione il loro reddito e i metri quadrati acquistabili con il finanziamento immobiliare nelle periferie di tutti i capoluoghi di provincia, è emerso che se alla periferia di Roma con un mutuo di 85.000 euro si può acquistare solo una stanza di 24 metri quadrati, a Ragusa la casa diventa di circa 90 metri quadrati. Considerando sempre che la rata del mutuo non dovrebbe superare un terzo del reddito netto mensile del mutuatario.

Chi guadagna duemila euro al mese può sperare in un mutuo da 112 mila euro, ma anche in questo caso le differenze sono notevoli: solo 35 metri quadrati a Roma, Milano o Venezia, venti di più a Vicenza o Salerno, oltre cento metri in un capoluogo di provincia del Sud.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il