BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Detrazioni e agevolazioni fiscali su 730 e Cud 2009: le novità

Pubblicati sul sito dell'Agenzia delle Entrate i modelli 730 e CUD per la dichiarazione dei redditi 2009. Le novità.



Sono stati pubblicati sul sito dell'Agenzia delle Entrate i modelli 730 e CUD per la dichiarazione dei redditi 2009 e tutte le novità e le disposizioni previste.

Per quanto riguarda il modello 730, i contribuenti si troveranno ad avere a che fare con delle novità: limite di detraibilità per interessi passivi sui mutui, nel 2009, infatti, l'importo massimo che potrà essere portato in detrazione sale a 4mila euro, quasi 400 euro in più rispetto allo scorso anno.

Sul fronte lavorativo i dipendenti del settore privato possono scegliere la modalità di tassazione dello straordinario, che sarà possibile utilizzare per restituire il "bonus fiscale" se indebitamente percepito.

Anche per le famiglie dei laureati buone nuove: con il modello semplificato per il 2009 sarà possibile usufruire di una detrazione d'imposta del 19% sui contributi versati per il riscatto del corso di laurea dei familiari fiscalmente a carico. Novità anche per i Comuni che rientrano da quest'anno a far parte dei soggetti a cui sarà possibile destinare il 5 per mille dell'Irpef.

Per quanto riguarda, il Cud 2009, le novità principali riguardano le detrazioni per famiglie numerose, giacchè in presenza di almeno quattro figli a carico, ai genitori è riconosciuta un'ulteriore detrazione di importo pari a 1.200,00 euro; le detrazioni per canoni di locazione, cioè i soggetti che percepiscono redditi di lavoro dipendente e assimilati possono richiedere al proprio datore di lavoro di contare la detrazione direttamente nelle operazioni di conguaglio di fine anno, presentando gli estremi di registrazione del contratto, la data dalla quale l'immobile locato è stato adibito ad abitazione e il canone di pagamento. E, infine, le detrazioni sulle indennità di fine rapporto e della ritenuta effettivamente operata.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il