BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riduzione Iva, aiuto e agevolazioni a imprese e famiglie: piano Unione Europea approvato

Via libera della Commissione europea al piano Ue da 200 miliardi, pari all'1,5% del pil Ue. Cosa prevede.



Via libera della Commissione europea al piano Ue da 200 miliardi, pari all'1,5% del pil Ue: 170 mld, pari all'1,2% del pil Ue, proviene dai bilanci pubblici nazionali, 30 mld, pari allo 0,3% del pil, dal bilancio Ue e dalla Banca europea degli investimenti.

Il piano, secondo i progetti e i propositi, mira a rimettere in moto l'economia puntando su quei settori che rappresentano il futuro: tecnologia pulita e infrastrutture. Si va dal taglio delle tasse agli incentivi per occupazione, imprese e consumi. Il pacchetto di aiuti e incentivi sarà pari all'1,5 del Pil dei 27 e il contributo sarà per il 1,2% a carico dei bilanci statali e per lo 0,3% dell'Ue.

Dovranno puntare su investimenti intelligenti le eventuali spese pubbliche, come efficienza energetica, tecnologie pulite, auto e costruzioni a basso consumo di Co2, infrastrtture, ricerca e sviluppo e banda larga. In particolare per il settore delle quattro ruote, oggi in crisi, si punta su prestiti più facili per la produzione di auto pulite, riduzione delle tasse di registrazione e circolazione per le auto a bassa emissione di Co2.

Bruxelles non interviene sulle misure fiscali, ma propone esplicitamente tassi Iva ridotti limitati ai prodotti verdi e ai servizi per il settore delle costruzioni. Tra i punti del piano anti-crisi, la ripresa normale delle attività bancarie, che dovranno fornire liquidità e sostenere gli investimenti nell'economia reale.

Tanti gli aiuti a sostegno di imprese e famiglie. Inoltre, nel piano la Commissione Ue invita poi la Bce a proseguire sulla strada del taglio dei tassi. Gli stati dovranno spendere anche sforando il tetto del 3% del deficit, mentre quelli con i conti pubblici più sani potranno spendere di più.

Ora sul piano dovranno pronunciarsi prima l'Ecofin martedì prossimo e poi tra due settimane i capi di stato e di governo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il