BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bonus e sgravi fiscali per risparmio energetico: serve approvazione Agenzia Entrate. Nuove regole

Il decreto anticrisi approvato dal Governo venerdì scorso riduce drasticamente le detrazioni fiscali in caso di interventi di riqualificazione energetica.



Il decreto anticrisi approvato dal Governo venerdì scorso riduce drasticamente le detrazioni fiscali in caso di interventi di riqualificazione energetica. L'iter per avere accesso alle detrazioni Irpef e Ires (del 55%) prevede che per le spese sostenute dopo il 31 dicembre 2007, i contribuenti debbano inviare all'Agenzia delle entrate, in via telematica, istanza per consentire il monitoraggio della spesa e la verifica del rispetto dei limiti di spesa complessivi.

Il provvedimento stabilisce che sia l'Agenzia delle entrate ad esaminare le domande in base all'ordine cronologico di invio e comunicare successivamente entro 30 giorni l'esito della verifica agli utenti. Se non si è ricevuta alcuna comunicazione di accoglimento entro i 30 giorni stabiliti, significa che l'assenso non è statop concesso e il cittadino non potrà usufruire della detrazione.

Per quanto riguarda, invece, le spese sostenute nel 2008, in caso di mancato invio della domanda o di diniego da parte dell'Agenzia, l'interessato potrà comunque usufruire di una detrazione dall'imposta lorda pari al 36% delle spese sostenute fino ad un massimo di 48.000 euro da ripartire in 10 rate annuali.

Per le agevolazioni sugli interventi energetici sono stati stanziati 82,7 milioni di euro per il 2008; 185,9 milioni per il 2009 e 314,8 milioni per il 2010. Una volta terminati i fondi non sarà più possibile accogliere le domande dei cittadini e delle imprese.


Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il