BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sky e aumento Iva per abbonamenti pay tv. Esplode la polemica. Anche Mediaset colpita?

Il governo ha deciso di raddoppiare dal 10% al 20% l'Iva sugli abbonamenti alle pay tv. Ed è polemica.



Il governo ha deciso di raddoppiare dal 10% al 20% l'Iva sugli abbonamenti alle pay tv. Si stima che per i 4,7 milioni di abbonati a Sky il raddoppio dell'iva rappresenta un aggravio complessivo di 210 milioni di euro.

Si va da un aumento di 1,2 euro al mese per chi ha un abbonamento di base da 15 euro, fino ai 6 euro mensili per gli abbonati al pacchetto più costoso, destinato a salire a 68 euro. Mentre l'impatto sui conti dell'emittente sarà di circa 500 milioni.

Tom Mockridge, 53 anni, amministratore delegato di Sky Italia, commenta dicendo che il fatto della misura approvata è  sorprendente se si pensa che l'intera campagna elettorale del Popolo della libertà è stata basata sulla promessa che non sarebbe aumentato il carico fiscale. “Senza contare che con il provvedimento annunciato venerdì scorso si vanno a colpire proprio le tv digitali, cioè uno dei pochissimi settori dell'economia italiana che continuano a crescere”. E nel frattempo il gruppo Sky prepara una campagna pubblicitaria per avvisare gli abbonati dell'aumento dell'Iva.

Ma le novità non finiscono qui perché il provvedimento sulle pay-tv che secondo Sky favorirebbe un'azienda del presidente del Consiglio in realtà penalizza anche Mediaste se si considera che il progetto è lanciare sul satellite anche tutti i canali Mediaset. Per Antonio Di Pietro si tratta di una norma ‘scandalosa’. Ora se la dovrà vedere il Parlamento.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il