BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bonus famiglia come richiederlo: moduli presto disponibili. Ecco come fare e beneficiari

Dopo l’approvazione del pacchetto di misure anti crisi a sostegno di famiglie e imprese, si attende dall’Agenzia delle Entrate la pubblicazione, a giorni, dei moduli per la richiesta del bonus famiglie.



Dopo l’approvazione del pacchetto di misure anti crisi a sostegno di famiglie e imprese, si attende dall’Agenzia delle Entrate la pubblicazione, a giorni, dei moduli per la richiesta del bonus famiglie.

Il bonus sarà una tantum (cioè erogato una sola volta) e varierà da 200 a mille euro a seconda del reddito e dei componenti del nucleo familiare che ne farà richiesta, come si vede nella tabella a destra. Nel complesso sono stati stanziati 2,4 miliardi di euro e si stima che potranno beneficiarne otto milioni di famiglie.

Potranno beneficiare del bonus i redditi da lavoro dipendente, le pensioni e molti dei redditi che il Testo unico in materia (Dpr 917/1986) assimila a quelli da lavoro dipendente e bisognerà avere un reddito che arriva a 35mila euro di reddito complessivo familiare annuo e sarà, inoltre, importante il numero dei familiari e il reddito complessivo.

Il bonus verrà erogato dal sostituto d'imposta secondo l'ordine di presentazione delle richieste e nei limiti dei contributi disponibili nel mese dell'erogazione. Il bonus dovrà essere richiesto presentando una domanda nella quale il richiedente autocertifica: il coniuge non a carico e il suo codice fiscale; i figli, gli altri familiari a carico, la relazione di parentela e il loro codice fiscale; e che il reddito complessivo familiare rientra nei limiti richiesti dal decreto.

La domanda va presentata entro il 31 gennaio 2009 a datore di lavoro privato o pubblico del richiedente o l'ente previdenziale che gli versa la pensione. La richiesta può essere presentata anche tramite dottori commercialisti, ragionieri, periti commerciali, consulenti del lavoro e centri di assistenza fiscale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il