BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Qualità della vita in Italia diminuisce nel 2008. Le migliori città e regioni che si salvano

Toscana, Trentino Alto Adige ed Emilia Romagna sono le regioni di Italia in cui si vive meglio. La classifica.



Gli stili di vita cambiano, le città crescono e si arricchiscono, accolgono nuovi abitanti, cittadini anche stranieri, si moltiplicano le offerte ma la qualità ne risente? Migliora o peggiora?

Secondo il Rapporto 2008 sulla qualità della vita di ItaliaOggi, che misura il livello di benessere nelle province italiane, oggi in Italia non si vive bene: in 55 province su 103 quest'anno la qualità della vita è risultata scarsa o insufficiente. Peggiore la situazione che si registra nelle province del Nord Ovest: Milano e Torino, ad esempio, hanno perso alcune posizioni in classifica rispetto al 2007.

Migliore, invece, nelle province del Nord Est dove, al contrario, 14 sono state classificate come buone e 8 come accettabili. Nessuna ne è uscita con un voto negativo. Stabile la situazione del Sud, dove alcune città tra cui Agrigento, Enna, Napoli, con voti nettamente negativi si piazzano agli ultimi posti della classifica.

Migliorano le condizioni se ci si sposta a Bari o Campobasso, mentre nettamente positiva la situazione nelle regioni Toscana, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna e, in generale, del Centro Nord. Sono questi i posti di Italia in cui si vive meglio.

Siena maglio d’oro per città migliore per servizi, lavoro, ambiente, sicurezza, mancanza di disagio sociale, popolazione, tempo libero e tenore di vita. Seguono, rispettivamente al secondo e terzo posto, Trento e Bolzano.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il