Internet e manager: utilizzo è molto alto, mentre cala la lettura libri e giornali

Manager d'assalto? Cala la formazione dei dirigenti di impresa. Solo una piccola percentuale si dedica a lettura, studio e corsi di aggiornamento.



Secondo gli ultimi dati Istat dell’Ufficio studi dell’Aie (Associazione Italiana Editori) oltre il 40% dei dirigenti, imprenditori, liberi professionisti e direttivi non legge un solo libro all’anno nel tempo libero. E la lettura per la ragioni professionali non va certo meglio, tanto da essere diminuita del 16,5% tra 2000 e 2006, inoltre, risulterebbe che solo un dirigente su tre partecipa a corsi di formazione.

Ciò che, invece, viene privilegiato come canale di informazione, seppur solo ‘guardato’, è Internet, comodo e veloce da usare, e utile per quanto riguarda la comunicazione istantanea. 

La situazione sembra allarmante considerando che si tratta non di semplici dipendenti ma di manager che dovrebbero avere capacità e conoscenza tale da guidare un’impresa o un’azienda e senza formazione, senza aggiornamento, questo lavoro rischia di entrare in crisi.

Mettendo a confronto i dati che emergono dall’analisi di tutti i 27 Paesi membri dell’Europa, l’Italia si colloca al terz’ultimo posto (prima solo di Bulgaria e Grecia) in fatto di imprese che hanno svolto attività di formazione e solo il 10,3% del totale degli occupati italiani (uno su dieci) partecipa ad attività formative. Non si tratta certo di risultati di cui andar fieri.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il