BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Latte crudo obbligo bollitura con nuova legge. Cosa viene imposto

Prodotto da consumarsi solo dopo bollitura: questa la dicitura che i distributori di latte crudo dovranno riportare.



Dopo l’allarme di qualche giorno fa che imputava una non sicurezza al latte venduto alla spina, è arrivata un’ordinanza del ministero del Welfare secondo cui esso non potrebbe essere distribuito nelle mense scolastiche e ne fissa a tre giorni la scadenza.

Ma, e questa è la vera novità, da ora i 1111 distributori automatici che erogano sei milioni di litri l'anno dovranno obbligatoriamente riportare una indicazione igienica indispensabile per consumare questo tipo di latte in sicurezza: "Prodotto da consumarsi solo dopo bollitura".

L'obiettivo è quello di evitare le infezioni da Escherichia coli il terribile batterio che ha causato fra i consumatori di questo prodotto una decina di sindromi emolitico uremiche (che porta alla dialisi) fra il 2007 e i 2008. Il batterio, soprattutto nei bambini, può essere devastante, come nel caso della sindrome emolitica uremica che nel 2007 i casi segnalati sono stati tre (Rimini, Padova, Mantova) e nel 2008 sono stati sette (Bolzano, Ancona, Bologna, Cremona, Mantova, Verona e Torino).

Il sottosegretario alla Salute, Francesca Martini, la bollitura del latte è sufficiente a escludere agenti patogeni, e dopo averlo bollito il latte crudo è assimilabile a quello che compriamo normalmente, con la differenza che e' un latte prodotto sul territorio. Un prodotto sano, del territorio e a prezzo basso, ma che necessita di alcune precise precauzioni: bollirlo, anzitutto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il