BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutuo fisso o variabile dopo il ribasso tassi di interesse e crisi. Cosa conviene scegliere?

Tasso fisso o tasso variabile? Quando si parla di scelta del tasso per i mutui in questo periodo le preferenze sembrano oscillare.



Tasso fisso o tasso variabile? Quando si parla di scelta del tasso per i mutui in questo periodo le preferenze sembrano oscillare e non avere mai una posizione stabile.

Così se fino a qualche tempo fa ad essere privilegiato era il mutuo a tasso fisso era quello che sembrava l'unica soluzione possibile e praticabile per ottenere un nuovo finanziamento o per proteggersi dai tassi Euribor agitati come schegge, oggi la situazione è decisamente cambiata. E c’è chi opta per il tasso variabile. Dopo l’introduzione del tetto al 4% stabilito dal decreto di misure anti crisi dal governo, il tasso variabile sembra essere quello preferito. Ma per quanto?

In realtà certezze non ce ne sono. La stessa riduzione degli Euribor avrebbe, comunque, reso i mutui variabili notevolmente più convenienti nel corso dei prossimi mesi: in fondo, gli alti e bassi delle rate sono nella natura stessa dei prodotti indicizzati, così come chi sceglie il tasso fisso lo fa proprio per garantirsi la certezza dell'importo da versare nel corso del tempo.

Ma, in questo quadro, c’è anche che si chiede se non sia il momento più opportuno per stipulare un mutuo a rata fissa bloccando un tasso che può risultare conveniente in ottica pluriennale. E secondo gli analisti questa scelta ora non sarebbe uno sbaglio, considerando che per il prossimo 2009 gli Irs scenderanno.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il