BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Finanziamenti per acquisto prodotti in forte calo nel 2008. Italiani chiedono meno prestiti

Scende la percentuale del credito al consumo ma crescono i prestiti personali. La situazione attuale.



Aumenta la soglia di povertà nel nostro Paese, calano gli acquisti, i beni al consumo aumentano di prezzo e, se prima gli italiani per far fronte alla forte crisi economica che da mesi ormai attanaglia il mondo intero ricorrevano ai finanziamenti, oggi la popolazione sembra aver fatto marcia indietro.

Secondo le stime Assofin, per la prima volta da almeno 15 anni (ossia da quando sono cominciate le rilevazioni), il business del credito al consumo si avvia a chiudere l'anno a crescita zero. E le finanziarie sono più attente a concedere i prestiti.

La riduzione del credito al consumo ha avvertito una forte battuta d’arresto a causa, principalmente, del fatto che le famiglie hanno drasticamente tagliato gli acquisti di beni durevoli, automobili, moto, arredamento ed elettrodomestici. Se calano i crediti al consumo, dall’altro lato aumentano notevolmente i prestiti personali.

Sempre secondo le stime Assofin, tra gennaio e ottobre i prestiti personali sono, infatti, aumentati del 14% e l'ammontare complessivo, pari a 18,2 miliardi di euro, sta quasi per raggiungere quello dei fidi finalizzati all'acquisto di beni (20,3 miliardi).

E’ stato inoltre registrato un buon andamento dell’utilizzo per quanto riguarda le carte revolving (con pagamenti rateizzabili): +7,4% in valore e +10% per quanto riguarda il numero delle operazioni.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il