BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bonus famiglia modelli da presentare al datore di lavoro entro 31 gennaio. Ecco come fare

Si possono presentare al proprio datore di lavoro le domande per il bonus famiglia. L'iter.



Bisognerà presentarle entro il 31 gennaio le domande, per ottenere il bonus famiglia, al proprio datore di lavoro attraverso il nuovo modello approvato il 5 dicembre scorso.

Secondo i dati diffusi dal ministero, dovrebbero essere circa 8 milioni le famiglie che potranno usufruire del bonus, che varia da 200 a mille euro in base al reddito e alla composizione del nucleo familiare. Ad erogarlo saranno i datori di lavoro che, per conto dell’Amministrazione finanziaria, dovranno arrivare in sostegno di famiglie meno abbienti.

I datori di lavoro, esclusi i datori di lavoro domestico, saranno coinvolti sia per l’erogazione, sia per i successivi adempimenti, in quanto i possibili beneficiari sono soprattutto lavoratori dipendenti, collaboratori coordinati e continuativi, anche con mo-dalità a progetto, e pensionati.

Dopo aver posto particolare attenzione alla data apposta, il datore di lavoro sarà tenuto all’erogazione del bonus secondo l’ordine di presentazione delle richieste e nel limite del monte ritenute e contributi di febbraio 2009, termine che slitta ad aprile per le domande presentate in marzo.

I datori di lavoro del settore pubblico, invece, erogheranno il beneficio entro il limite delle sole ritenute disponibili. Il sostituto d’imposta è tenuto a trasmettere alle Entrate, entro il 30 aprile 2009 (30 giugno 2009 nel caso di richieste ricevute con riferimento all’anno 2008), per via telematica o tramite un intermediario, l’elenco delle richieste ricevute e l’importo erogato in relazione a ciascuna di esse.

Per quanto riguarda, poi, il recupero di quanto erogato, il datore di lavoro dovrà servirsi del modello F24, su cui l’azienda indicherà il credito maturato per ritenute e contributi, a partire dal primo giorno successivo a quello di erogazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il