BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Rimborso per ritardi, problemi e disservizi treni: nuova procedura in prova

Parte in via sperimentale la procedura di conciliazione lanciata da Trenitalia. In cosa consiste.



Si chiama procedura di conciliazione e racchiude tutti i provvedimenti a sostegno di quanto subiscono le conseguenze di servizi inefficienti per quanto riguarda il trasporto ferroviario.

L’iniziativa nasce da un accordo stipulato nello scorso mese di settembre tra il Gruppo Ferrovie dello Stato e ben 12 tra le più importanti Associazioni di Consumatori. La procedura di conciliazione prenderà il via in fase sperimentale inizialmente per quanto riguarda la tratta Napoli- Milano, per poi, dopo dodici mesi, estendersi pian piano all’intera rete ferroviaria.

Secondo tale procedura, potranno esser raccolte tutte le denunce di disservizi da parte dei clienti di Trenitalia. Per disservizi si intende ogni cosa che nel viaggio non si svolge come, invece, progettato: ritardi, problemi eventuali e improvvisi, disagi a bordo.

Problemi che infastidiscono e toccano essenzialmente che, per motivi di lavoro, ha necessariamente bisogno di spostarsi. Se il viaggiatore, entro il termine di 60 giorni, non avrà ricevuto risposta o questa sarà giudicata insoddisfacente per le proprie richieste, può procedere ad attivare la procedura di conciliazione rivolgendosi direttamente ad una delle dodici Associazioni di Consumatori aderenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il