BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Piano contro crisi economica di Barack Obama: taglio tasse e aumento posti di lavoro anche pubblici

Un piano anticrisi da 800 miliardi di dollari della durata di due anni, che vedrà soprattutto tagli delle tasse a favore di aziende e lavoratori di fascia media. Il piano di Obama.



‘La recessione in atto potrebbe continuare a lungo e divenire irreversibile’. E’ questo l’allarme lanciato dal neo presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, che rilancia sulla crisi economica in atto che sta attanagliando il mondo intero e non accenna ad arrestarsi.

Per far fronte al declino finanziario mondiale, che ha preso le mosse proprio da quell’America che adesso spera nel cambiamento e nelle novità, dopo i piani di salvataggio varati dai governi europei, arriva anche la proposta di un piano contro la crisi firmata Obama.

Si tratta di un progetto anticrisi da 800 miliardi di dollari della durata di due anni, che avrà la sua base soprattutto sui tagli delle tasse a favore di aziende e lavoratori di fascia media (mille dollari per il 95% delle famiglie). E ancora, creazione dei posti di lavoro nel settore privato,  ma anche, e soprattutto, piano di salvataggio dei settori pubblici e di insegnanti,  poliziotti, vigili del fuoco e tutti coloro che forniscono servizi vitali.

Il piano prevede fra l'altro di raddoppiare nel corso di tre anni la produzione di energie rinnovabili. Secondo Obama, inoltre, saranno necessarie misure radicali per ridurre il numero di mancati rimborsi dei mutui e per evitare il fallimento, che sarebbe catastrofico, di altri importanti istituti finanziari. Le banche hanno effettuato prestiti senza preoccuparsi se questi potessero essere ripagati. I politici hanno speso i soldi dei contribuenti senza disciplina. Il risultato è stata una devastante perdita di fiducia nell’economia, nei mercati finanziari e nel  governo.

Il compito di Obama sarà, dunque, quello di operare una grande iniezione di fiducia, con rimedi che ritiene possano essere sicuri, ma da realizzare non senza sacrifici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il