BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Assegni di disoccupazione: come fare ad ottenerli e a chi spettano

Un assegno di disoccupazione per i lavoratori in crisi: in cosa consiste e chi ne può beneficiare.


Gli ultimi dati Istat avvertono: cresce la disoccupazione in Italia. Secondo i risultati diffusi, il numero delle persone in cerca di occupazione ha registrato il terzo aumento tendenziale consecutivo, portandosi a 1.527.000 unità (+127.000 unità, pari al +9% rispetto al terzo trimestre 2007) nel terzo trimestre dello scorso anno. Mentre il tasso di disoccupazione, nel terzo trimestre, è aumentato rispetto a un anno prima di 0,5 punti percentuali per gli uomini e di 0,4 punti percentuali per le donne, portandosi rispettivamente al 4,9 e al 7,9%.

La situazione è allarmante: dopo aver annunciato casse integrazioni, aver studiato i numeri dei licenziamenti già verificatesi e messo in atto piani di salvataggio per le piccole e medie imprese, ora il governo italiano corre ai ripari con il cosiddetto assegno di disoccupazione. Si tratta di una ennesima misura contenuta nel pacchetto anticrisi varato dal Governo lo scorso dicembre a sostegno delle persone meno abbienti.

Esso consiste in un’indennità che spetta ai lavoratori, assicurati contro la disoccupazione, che siano stati licenziati o ai lavoratori che siano stati sospesi da aziende colpite da eventi temporanei non causati né dai lavoratori né dal datore di lavoro (mancanza di lavoro, di commesse o di ordini, crisi di mercato). Per ottenere l’assegno è necessario essere assicurati all’Inps da almeno due anni e avere accumulato almeno 52 contributi settimanali nel biennio precedente la data di cessazione del rapporto di lavoro.

Gli assegni di disoccupazione ordinaria sono passati lo scorso anno da 7 a 8 mesi, con un’estensione a 12 (invece di 10) per chi ha superato i 50 anni di età. Per quanto riguarda, invece, la disoccupazione ordinaria l’indennità è del 30% e 35% in base alla retribuzione per i primi 120 giorni e del 40% per i successivi, fino a un massimo di 180 giorni.




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il 11/01/2009 alle ore 09:03