BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Social card non funzionante: ricarica non presente e acquisti non effettuabili

Pensionati e famiglie in difficoltà in possesso della social card messa a disposizione dal Governo ma ancora non funzionante.



Pensionati e famiglie in difficoltà in possesso della social card messa a disposizione dal Governo ma ancora non funzionante. Nelle prime settimane di usufrutto, la social card ha presentato non pochi problemi a chi ne è detentore. E’ spesso capitato, infatti, che al momento di qualche acquisto in luoghi convenzionati, la carta non sia risultata ancora abilitata.

C’è da sottolineare che essa non viene, infatti, caricata al momento della consegna alle poste, ma solo a seguito di successivi accertamenti dell’Inps. Chi ne ha diritto, i pensionati over 65 con trattamento pensionistico o assistenziale inferiore ai 6 mila euro lordi annui (8 mila per gli over 70), non ne è al corrente e svolge acquisti sicuro di poter usufruire del bonus.

L’altra causa di ritardo può derivare dal fatto che l’istituto previdenziale potrebbe accertare anomalie e direttamente revocare il benefit. L’Inps, infatti, nonostante la tessera magnetica venga immediatamente consegnata, verifica solo dopo i requisiti necessari per poterne beneficiare e in caso di problemi non la attiva.

Le difficoltà di acquisto si sono verificate un po’ in tutta Italia dove i disservizi sono stati frequenti e hanno provocato non pochi malumori tra i cittadini che avevano ricevuto la lettera dell'Inps sulla Social card, senza certezze di verifica da parte dell’Inps. Così dopo aver già indignato le cifre circa i ‘finanziamenti’ proposti dalla social card, ‘Mi manda raitre’, nella sua ultima puntata andata in onda, ha puntato il dito anche contro i motivi delle lamentele di chi ha ricevuto la card e l’ha trovata la card vuota, con un  credito zero.

Molte persone, infatti, sono andate a fare acquisti servendosi della carta e si sono trovate a rinunciare alla spesa o ad utilizzare il proprio denaro. Ma la social card non avrebbe dovuto essere un sostegno alle famiglie in difficoltà?

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il