BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Decreto anti-crisi: novità. Aiuti a aziende commerciali e turistiche. Pagamenti più veloci da PA

Decreto italiano anti crisi: le novità.



E’ passato alle  Commissioni bilancio e finanze della Camera il nuovo pacchetto di emendamenti che raccoglie le proposte dei relatori e quelle dei deputati che avevano ottenuto parere favorevole del Governo e che ancora non erano state esaminate.

Via libera per i finanziamenti a sostegno dei  negozi costretti a chiudere per la crisi, agli operatori del settore commerciale e turistico. Per loro sarà riattivato l'accesso agli indennizzi per le aziende commerciali in crisi. L'intervento, di importo pari alla pensione minima, viene concesso a favore degli esercenti di attività commerciali costretti a cessare l'attività nei 3 anni precedenti il pensionamento di vecchiaia.

L’altra grande novità riguarda le Pubbliche Amministrazioni e più precisamente le imprese che vantano crediti nei confronti della pubblica amministrazione. Le commissioni Bilancio e Finanze della Camera hanno, infatti,  approvato un emendamento in base al quale viene agevolata la riscossione del credito. Con la nuova  certificazione, le aziende potranno cedere il credito alle banche e a società finanziarie.

La cessione sarà valida anche se il contratto di fornitura o di servizio con la pubblica amministrazione aveva escluso la cedibilità del credito. Mantenuto, inoltre, intatto il bonus fiscale per le famiglie che resta compreso tra 200 e 1.000 euro per le stesse tipologie dei nuclei. L'unica novità è lo slittamento di un mese, dal 31 gennaio al 28 febbraio 2009, del termine per presentare la domanda.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il