BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui variabili con tassi bassi per la crisi conviene? Consigli per la scelta

Mutui a tassi variabili: quando convengono?



La Bce ha riportato i tassi di interesse a quel 2% che rappresenta il minimo storico e che già si era visto tra il 2003 e il 2005 e questo cambiamento ha decisamente influito sulle condizioni di investimento e mutui.

Così dopo ben 5 anni il tasso variabile risulta conveniente per chi si accinge a stipulare un nuovo mutuo. Si tratta, secondo le prime stime, di una convenienza destinata ad aumentare nei prossimi mesi, giacchè le attese dei mercati indicano un ribasso fino all'1,5% dei tassi Bce e sotto il 2% per l'Euribor a 3 mesi nel corso del 2009.

Ma chi è propenso a scegliere il tasso variabile dovrà bene i conti con il reddito a disposizione per esser pronti, eventualmente, a sostenere  un eventuale rialzo dei pagamenti. Tutto perché prevedere l’andamento dei tassi in base alla congiuntura economica generale è oggi particolarmente difficile ed azzardato.

Ma la vera novità del 2009 sarà il mutuo indicizzato al tasso ufficiale Bce al posto di quello tradizionale legato all'Euribor, perché è in grado di garantire maggiore trasparenza e potenzialmente una volatilità meno accentuata, giacchè ogni cambiamento appare al varo generale. Ciò che gli andamenti economici di questi ultimi mesi hanno insegnato, però, sempre e comunque, è la necessità di attenzione e valutazione per ogni scelta da compiere.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il