BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Prestiti famiglie italiane di 5mila euro mediamente. Con i mutui si sale a 21mila euro

Crescono i debiti degli italiani. I motivi. Torino città più indebitata di Italia.



Nel 2007 gli italiani, in materia di credito al consumo, hanno contratto debiti per complessivi 500 miliardi di euro mentre l’indebitamento medio per nucleo familiare si è attestato a quota 21 miliardi: questo è quanto emerge da un Rapporto della Camera di Commercio di Milano in base ai dati 2007 forniti dall’Istat e dalla Banca d’Italia.

Tra i motivi di richiesta di credito, spiccano i debiti contratti per i mutui casa, seguiti gli italiani dalla richiesta dil credito per l’acquisto di mobili, autovetture, viaggi ed elettrodomestici, con tassi di crescita considerevoli visto che solo nel 2007 il credito al consumo si è attestato sui 93 miliardi di euro con un rialzo del 15% rispetto all’anno precedente.

Si tratta di nuovi massimi, che spazzano via il precedente record registrato ad agosto, quando il debito aveva raggiunto i 1.666,6 miliardi. La crisi, sempre secondo Bankitalia, ha solo rallentato le entrate che nei primi 11 mesi del 2008 si sono attestate infatti a 344 miliardi, il 2,8% in più rispetto ai 334,1 del gennaio-novembre 2007.

Nell’ambito di questa grave situazione di indebitamento italiano, secondo una classifica stilata da Civicum in collaborazione con il Politecnico di Milano, prima città indebitata in Italia risulta Torino, segue Milano, si classificano anche Trieste, Roma e Genova.

A Torino, infatti,  (coi suoi totali 5,7 miliardi) ogni cittadino è mediamente indebitato per 5.781 euro, mentre il fardello dei milanesi (il totale di Milano è di 5,2 miliardi) si ferma a quota 3.997 euro, mentre i triestini sono a quota 3.922 e i romani a 3.132.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il