BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Conti correnti e depositi bancari con tassi interessi più alti. Confronto nel 2009 con la crisi

Conto correnti online con tassi alti. Quale scegliere.



Dopo gli ultimi tagli stabiliti dalla Bce, la remunerazione dei depositi bancari è scesa intorno al 2% ed è scattata la corsa alla ricerca dell’offerta migliore dei tassi di interesse più alti e, dal momento che i conti on line sono gratuiti e le spese di chiusura sono state abolite, stanno crescendo i clienti multiconto: un conto tradizionale perché c'è lo sportello sotto casa, uno Internet movimentabile, un altro Internet di solo deposito.

Banca Barclays (5%), CheBanca!, Conto Arancio, IWBank Rendimax sono solo alcune delle nuove possibilità da vagliare. Il vantaggio dei conti on line, che alcune banche sostengono proseguendo il rapporto allo sportello, rimane un investimento a rischio zero per il cliente, anche se in questo momento ottiene forse una remunerazione non elevatissima.

Il tasso d'interesse alto rimane il migliore biglietto da visita per un conto on line, e infatti diverse banche adottano una doppia strategia: tassi ridotti per i vecchi clienti e remunerazioni alte. Per fare qualche esempio basta citare WeBank, del Gruppo Bipiemme: 5% fino al 30 giugno 2009, dopo tasso base dell'1,90% per depositi fino a 50.000 euro, 0,25% per giacenze superiori.

Oppure di WebSella: 5% per i primi cinque mesi, 1,75% a regime, Conto arancio, poi, offre oggi un tasso ai nuovi clienti che si attesta sul 4,25% per sei mesi e a regime si passa al 3%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il