BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Incentivi elettrodomestici, mobili e per finanziamenti con detrazioni fiscali

Berlusconi annuncia sostegni per l'industria degli elettrodomestici. In cosa consistono.



Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, conferma che il governo sta mettendo a punto ulteriori misure anticrisi per andare ad accrescere il pacchetto di aiuti ai settori industriali in difficoltà: oltre all'auto, si pensa, infatti, anche a sostegni per l'industria degli elettrodomestici.

Il ministro per le Politiche comunitarie, Andrea Ronchi, ha confermato che il piano anticrisi del Governo italiano, compresi gli incentivi per la rottamazione delle auto, sarà presentato venerdì prossimo al Consiglio dei ministri. Il ministro precisa che “Non si tratta solo di aiuti al settore dell'auto, ma anche di misure tese a rilanciare i consumi”. Ed evidenzia come tale piano “è coerente con le linee guida sugli aiuti di Stato della Commissione europea”.

Per quanto riguarda il credito al consumo si pensa a un meccanismo di detrazioni fiscali sugli interessi delle rate che ricalchi il bonus del 55% per le ristrutturazioni edilizie. Non si tratterebbe di aiuti esclusivi per l'acquisto a rate di automobili, ma di un intervento sui beni durevoli esteso all'arredamento e agli elettrodomestici.

Il settore del ‘bianco’ è in affanno e un altro possibile strumento di sostegno sarebbe l'estensione a lavatrici e lavastoviglie delle detrazioni fiscali già in vigore, e in scadenza nel 2010, per la sostituzione di frigoriferi e congelatori. E mentre si aspettano le nuove misure per incentivi e finanziamenti, Fiat e Panasonic annunciano tagli rispettivamente di 5 e 15 mila posti di lavoro.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il