BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Debiti non pagati: pignoramenti casa scattano a 5mila euro

Scende a 5 mila la soglia di debito oltre cui scatta il pignoramento della propria abitazione. L'allarme di Codacons.



L’articolo 32 contenuto nel ddl anticrisi approvato dalle Camere introduce una novità in materia di debiti e pignoramenti. Secondo la nuova norma, scende da 8 a 5 mila la soglia di debito oltre la quale può scattare il pignoramento della propria abitazione.

Il testo di legge prevede che scatti il pignoramento per debiti di 5 mila euro o poco più e l’espropriazione, senza preventiva iscrizione di ipoteca, anche quando il credito da riscuotere non superi il 5% del valore dell’immobile da vendere all’asta.

Codacons lancia l’allarme secondo lui si rischierebbe di vedersi pignorare la casa con debiti di 5mila euro o poco più, anche quando il credito da riscuotere non supera il 5% del valore dell'immobile da vendere all'asta. Sarebbe questo il pericolo dei cittadini alle prese con il fisco dopo le novità introdotte dal decreto anticrisi. Secondo l'associazione dei consumatori il governo aiuterebbe così anche le cosiddette cartelle pazze, cioè quelle errate.

Codacons segnala, a tal proposito, casi clamorosi in cui Equitalia vessa i cittadini pignorando stipendi, conti correnti bancari e postali, auto e moto , mettendo ipoteche sulle case per il mancato pagamento di multe in violazione del codice della strada quando esse sono state già annullate dal giudice di pace o sono state prescritte. Oppure richiede il pagamento della tassa sullo smaltimento dei rifiuti agli affittuari anzichè ai proprietari delle abitazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il