BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Controlli evasione fiscale 2009: comuni trasmetteranno dati online e incrocio nuovi database

Cambiano le regole anti evasioni. Fisco e Comuni insieme nel controllo dei dati. Le novità.



Novità in materia anti evasione: dal prossimo lunedì le amministrazioni comunali segnaleranno all'Agenzia delle Entrate i dati utili alla lotta all'evasione attraverso ‘Segnalazioni’, la nuova procedura telematica accessibile tramite Siatel, sistema di interscambio con l'anagrafe tributaria.

Attraverso Siatel, i Comuni avranno accesso ai dati dell'anagrafe tributaria che riguardano i contratti di somministrazione di luce, gas e acqua, quelli di locazione, i bonifici bancari e postali per ristrutturazioni edilizie e le informazioni sulle denunce di successione di immobili.

Incrociando queste informazioni con quelle in loro possesso, gli enti locali saranno in grado di stabilire la posizione contributiva del cittadino e, in caso di ‘stranezze’ potranno segnalare all’ Agenzia gli eventuali elementi utili alla lotta all'evasione intercettati. Il rapporto di collaborazione fra Fisco e Comuni consentirà, dunque, di individuare facilmente coloro che dichiarano residenze fittizie all'estero per motivi di convenienza fiscale o che, pur non risultando iscritti all'anagrafe residenti all'estero, usufruiscono di servizi comunali o beneficiano di riduzioni fiscali di cui in realtà non dovrebbero godere.

Obiettivo del lavoro dei Comuni via Internet è quello di tagliare tempi e costi dei controlli per aumentare la sicurezza. Lo stesso procedimento di controllo sarà adottato anche nel campo della sanità. I dati relativi alle ricette saranno trasmessi dalle farmacie, acquisite tramite il sistema di monitoraggio in Anagrafe tributaria, per essere così incrociati con altre fonti.

Tra queste, i medici, i produttori farmaceutici, la distribuzione territoriale dei farmaci. In questo modo, si potrebbero ottenere non pochi vantaggi negli incroci ai fini dei controlli previdenziali e assistenziali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il