BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Famiglie italiane e reddito: un quarto non riesce ad affrontare imprevisto di 600 euro

Il 28,4% delle famiglie italiane non è in grado di affrontare una spesa imprevista di 600 euro. Lo dice l'Istat.



La crisi economia colpisce i grandi colossi finanziari che falliscono e colpisce i piccoli cittadini. Secondo l’Istat circa il 28,4% delle famiglie italiane non sarebbe in grado di affrontare una spesa imprevista di 600 euro.

Confrontando alcuni dati sulla povertà (2006) con l’Europa, l’Italia si colloca all’ottavo posto in questa drammatica classifica. La condizione migliore è quella rilevata in Svezia (14,9%), seguita dal Lussemburgo (18,1%), e dal Portogallo (18,2%). Il nostro paese si colloca tra Austria (27,6%) e Regno Unito (28,7%). Infine, più del 50% delle famiglie non può far fronte a una spesa imprevista in Slovacchia, Ungheria, Polonia, Lituania e Lettonia.

Sempre secondo i dati Istat, in Italia il 38,7% delle famiglie che vorrebbe fare una settimana di ferie l’anno non può permetterselo. Anche in questa circostanza lontani da noi sono Lussemburgo (10,5%), Danimarca (11,5%) e Svezia (15,2%) ma prossimo a quello della Spagna (38,3%) e della Francia (32,4%). Inoltre, il 7,3% delle famiglie italiane non può acquistare un pc (in Svezia e Danimarca sono il 3%) e il 3,8% un’auto.

Per quanto riguarda le spese ‘comuni’, il 6,2% delle famiglie non può permettersi un pasto adeguato (carne o pesce) almeno una volta ogni due giorni. Tuttavia, le famiglie italiane che dicono di essere in arretrato con il pagamento delle bollette sono solo il 9,4% (valore più basso nell'Ue a 15) e per il rimborso di prestiti da banche o finanziarie il 2,2% (anch'esso valore basso, il più alto con l'11,4% in Grecia e a Cipro).

Inoltre, famiglie italiane che non possono permettersi di riscaldare adeguatamente l'abitazione sono il 10,4%: è il valore più alto tra i paesi dell'Europa a 15 (eccetto Grecia con il 13,6% e il Portogallo con il 41,6%).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il