BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Durata crisi economica 2009: il momento peggiore sarà a luglio, poi lenta ripresa

Il prossimo mese di luglio la crisi economica mondiale toccherà il livello più basso e difficile: ad annunciarlo è David Kohl.



Il prossimo mese di luglio la crisi economica mondiale toccherà il livello più basso e difficile: ad annunciarlo è David Kohl, vice-capo economista di Julius Baer, che spiega come tutti gli effetti positivi delle azioni che si stanno facendo, si avvertiranno con un ritardo di nove mesi, a causa della politica adottata dalle banche centrali.

Dall’estate prossima in poi dovrebbe iniziare, dunque, la vera ripresa, se pur lentamente. In questo quadro di crisi attuale, Kohl sottolinea la posizione dell’Europa, leggermente migliore di quella degli USA. La FED, infatti, ha dei margini di gioco limitati, visto che i tassi negli Stati uniti sono attorno allo 0,25%, mentre la Bce ha dei margini lievemente più alti, in quanto i tassi europei sono del 2%.

Questo potrebbe dar vita ad un nuovo ribasso dei tassi, magari per tentare di riparare ai danni derivanti dall'aumento della disoccupazione. Anche Corrado Passera di Intesa SanPaolo ha ricordato le ragioni che hanno portato alla crisi finanziaria globale ma ha sottolineato anche le differenze tra il sistema bancario anglosassone, travolto dall'uragano, e quello europeo che, grazie alle regole e soprattutto alla disciplina con cui queste regole sono state osservate, è stato finora risparmiato.

E si è detto piuttosto ottimista: “L'Italia potrebbe superare la crisi un po' meglio di altri. E' meno indebitato e le esasperazioni sono state meno accentuate che altrove. Le banche sono più solide e il Paese è più flessibile. La crisi c’è ed è pesante ma sarà superabile”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il