BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui per precari e lavoratori atipici e tempo determinato con Poste italiane

Poste italiane offre nuove soluzioni di mutuo. Quali sono e a chi sono destinate.



Per fronteggiare la crisi economica che colpisce i cittadini creando non pochi disagi nei diversi pagamenti, Poste italiane ha valutato l’idea di fornire un ventaglio di scelte per stipulare e pagare mutui, ognuno rispondente alle diverse esigenze dei clienti o la possibilità di passare al mutuo BancoPosta sostituendo il mutuo aperto già stipulato un altro istituto di credito.

Fra le varie offerte spicca quella dei Mutui BancoPosta. Si tratta di particolari mutui destinati sia ai cittadini italiani, sia a quelli stranieri residenti, e a tutte le categorie di lavoratori, sia autonomi a tempo determinato che a tempo indeterminato.

Il mutuo BancoPosta potrà essere stipulato a rata decrescente, con un tasso di interesse cioè costante per tutta la durata del mutuo ma con l’importo della rata che tende a diminuire nel tempo. Il BancoPosta si presenta decisamente trasparente in quanto offre condizioni chiare e la possibilità di optare per il tasso fisso, quello variabile o quello a tasso variabile direttamente agganciato ai tassi della Banca Centrale Europea.

C’è poi anche il mutuo BancoPosta a tasso misto, che offre la possibilità di partire col tasso fisso o con quello variabile optando per la revisione della propria scelta ogni due, cinque o dieci anni.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il