BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui al 4%: a chi spetteranno agevolazioni?Novità per requisiti. Aumentano i beneficiari

Si allarga la platea di beneficiari ai mutui al 4%: le novità.



Si allarga la platea di beneficiari ai  mutui al 4% a tasso variabile sottoscritti prima del 31 ottobre 2008 per l'acquisto della prima casa. Le novità riguardano essenzialmente i mutui a rata constante ma tasso variabile, i mutui rinegoziati o che hanno goduto della portabilità e, duclis in fundo, i mutuatari in ritardo con i versamenti delle rate, a meno che non sia intervenuta la decadenza del beneficio del termine o la risoluzione del contratto.

In questo caso le banche calcoleranno le rate (e i relativi interessi di mora) al netto del contributo dello Stato. Per individuare il tetto, è necessario innanzitutto ricordare che il Dl si applica a tutte le rate da versare nel 2009 per i mutui a tasso non fisso stipulati prima del 31 ottobre 2008 per l'acquisto, la costruzione e la ristrutturazione dell'abitazione principale (a eccezione di case signorili, ville e castelli).

Il tetto del 4% vale però soltanto per i prestiti che al momento della sottoscrizione prevedevano un tasso inferiore a questa soglia, per gli altri il limite oltre il quale interviene lo Stato è il tasso contrattuale stesso.

La nuova circolare, inoltre, prevede che in caso di contratti che prevedano un periodo iniziale di preammortamento o un tasso agevolato temporaneo, il tasso che fa fede non è quello iniziale, ma quello applicabile alla prima rata successiva al periodo di preammortamento o di agevolazione.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il