BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Prezzi benzina, gas, elettricità in calo in Italia ma meno che in Europa.Confronto con altre nazioni

Calano i prezzi dell'energia in Italia ma restano più alti rispetto ad altri Paesi. Confronti.



Calano i prezzi in Italia ma sono sempre alti rispetto ad altri Paesi. Il presidente dell'Antitrust, Antonio Catricalà, sottolinea come nel nostro Paese la corsa al ribasso dei listini sia ancora lenta, soprattutto nei settori più concentrati, come il trasporto aereo e i carburanti per autotrazione, o liberalizzati relativamente di recente come l'energia.

Per citare qualche esempio, basta dire che rispetto al mese precedente, i prezzi dei carburanti per autotrazione sono scesi del 7,3% in Italia contro l'8,1% dell'area euro. I prezzi dell'energia in generale (elettricità, gas, carburanti) sono diminuiti nel nostro Paese del 3,4% mentre negli altri Paesi il calo è stato del 4,7 per cento. Mentre, per quanto riguarda i servizi di trasporto, in Italia lo scorso dicembre si è registrato un aumento del 4,5%, due punti e mezzo in più rispetto a Eurolandia, soprattutto per il più accentuato aumento dei prezzi del trasporto aereo.

Per quel che concerne i prezzi dell'energia elettrica Catricalà ha spiegato che oltre il 75% dell'energia venduta in Italia è prodotta da impianti a gas naturale e a olio combustibile, a fronte del solo 8% da carbone e di un 14% da fonti rinnovabili mentre gli altri Paesi hanno una produzione meno squilibrata sugli impianti a gas e a olio combustibile.

Una larga parte dell'energia elettrica venduta in Germania proviene da impianti nucleari o a carbone, in Francia da impianti nucleari (75%), in Spagna da energie rinnovabili e da impianti nucleari, prevalgono, cioè, tecnologie 'di base' con bassi costi variabili, con la conseguenza che il costo dell'energia elettrica è 'naturalmente' più basso.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il