BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Prezzi pasta: Antitrust multa aziende per presunto cartello. E nel 2009 iniziano cali

Dopo un 2008 piuttosto 'caro' iniziano a scendere i prezzi della pasta. E le previsioni per il futuro sono positive.



Prezzi di pane e pasta in continuo rialzo: il 2008 è stato l’anno dell’aumento dei prezzi del grano che hanno portato ad una vendita sempre meno costante dei beni primari della pasta e del pane.

Ma la situazione sembra cambiare. Secondo i consumatori il vero problema è che il prezzo della pasta continui ad aumentare mentre la materia prima scenda da mesi. L’Antitrust ha deciso di multare i pasta, colpendo non solo le singole aziende ma anche l'Unipi (Unione industriale pastai italiani) e l'Unionalimentari. Il motivo? Secondo gli ultimi dati Istat, i listini medi sono aumentati del 25,4%: tredici volte più del tasso d'inflazione.

Per l'Authority c’è stato il cartello. In tutto le sanzioni hanno raggiunto i 12 milioni 500 mila euro. Queste sono state inflitte a 26 imprese e alle due associazioni, dai quasi 6 milioni di Barilla a oltre un milione per De Cecco e Di Vella passando attraverso i quasi 500 mila euro a Garofalo.

Nel frattempo, dopo un 2008 piuttosto caro, nei mesi di dicembre e gennaio 2009 i prezzi della pasta hanno fatto registrare delle lievi variazioni al ribasso. Per i prossimi mesi, inoltre, è auspicabile una continuazione della discesa dei prezzi per la pasta, la cui ultima variazione congiunturale, rilevata dall’Istat nel mese di gennaio, segna un +25,4% rispetto alla rilevazione record di +35,2% dell’agosto del 2008.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il