Sciopero: novità nella nuova proposta di legge. Referendum e sospensione virtuale del lavoro

Sciopero virtuale nei servizi essenziali; referendum preventivi e adesione anticipata da parte del lavoratore: il nuovo ddl allo studio.



Sciopero virtuale nei servizi essenziali, soprattutto nei trasporti; referendum preventivi e adesione anticipata da parte del lavoratore: queste sono le novità previste dalla bozza di disegno di legge per la ‘regolamentazione e prevenzione dei conflitti collettivi di lavoro con riferimento alla libera circolazione delle persone’, allo studio del ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, e che sarà discusso al prossimo Consiglio dei Ministri. 

Per quanto riguarda lo sciopero virtuale, questo può essere obbligatorio per alcune categorie professionali che, per le loro prestazioni lavorative e le specifiche mansioni, possono determinare, in caso di astensione dal lavoro, la concreta impossibilità di erogare il servizio principale ed essenziale, necessario a cittadini e non.

Il disegno di legge prevede anche l'introduzione di un  referendum consultivo preventivo obbligatorio per indire uno sciopero, a meno che non si tratti di proclamazioni da parte di organizzazioni sindacali con  rappresentatività superiore al 50% dei lavoratori, e della dichiarazione preventiva di adesione allo sciopero stesso da parte del singolo lavoratore almeno con riferimento a servizi o attività di particolare rilevanza.

Questo referendum sarà necessario in particolare nel settore dei trasporti. Saranno, inoltre, vietate forme di protesta o astensione dal lavoro lesive del diritto alla mobilità e alla libertà di circolazione.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il