BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Finanziamenti alle imprese del sud italiane: banca per il sud e mezzogiorno riparte

Il ministro Tremonti ha annunciato il nuovo progetto della banca per il sud. In cosa consiste.



Il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, ha annunciato la firma del il decreto per far ripartire il progetto della banca per il sud. In attesa di fondare delle vere e proprie banche regionali: dal banco di Napoli al banco di Sicilia, come a quello di Puglia a quello di Calabria, il sistema italiano pensa ad un organo centrale per il Sud.

Lo statuto che lo regolerà dovrà prevedere che la Banca abbia necessariamente sede in una regione del Mezzogiorno d'Italia e che la composizione dell'azionariato sia in maggioranza privato e aperto all'azionariato popolare diffuso. La banca avrà 5 milioni di capitale e vertici rinnovati rispetto al passato.

Dovrà essere riconosciuta la funzione di soci fondatori allo Stato, alle regioni, alle province, ai comuni, alle camere di commercio e agli altri enti e organismi pubblici, aventi sede nelle regioni meridionali, che conferiscono una quota di capitale sociale. Secondo il decreto. L’importo iniziale di 5 milioni di euro sarà restituito allo Sato entro 5 anni dalla fondazione della Banca. Po lo Stato cederà alla Banca stessa tutte le azioni ad esso intestate ad eccezione di una.

Il progetto della banca del sud aveva già ricevuto un primo via libera nel 2006, poco prima della fine della penultima legislatura con il terzo governo Berlusconi. Poi il governo Prodi l’aveva stoppata. Ora Tremonti è tornato alla carica. Questo nuovo istituto di credito affiancherà il solido sistema bancario meridionale esistente, in modo particolare quello pugliese dove spiccano le banche popolari e di credito cooperativo.

Quando sarà operativa, la Banca del Mezzogiorno  eserciterà certamente un ruolo fondamentale per lo sviluppo e l’economia del sud, dal momento che nella compagine azionaria è previsto il coinvolgimento dell’intero territorio e del sistema delle autonomie locali, oltre che dello Stato e delle Regioni.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il