Banca Mondiale: un incubo fare impresa in Italia

Fare attività di impresa nell'Italia di Silvio Berlusconi è - perdonate il gioco di parole - una vera impresa



Fare attività di impresa nell'Italia di Silvio Berlusconi è - perdonate il gioco di parole - una vera impresa. Secondo la classifica stilata dalla Banca Mondiale è più facile avviare un'attività in paesi come il Nicaragua, la Tunisia, il Botswana, il Kenia, gli Emirati Arabi Uniti o lo Zambia.

Italia ultima, ovviamente, rispetto a tutte le nazioni dell'Europa occidentale e del nord-America, ma anche rispetto a diversi stati dell'est-Europa, dell'Africa e dell'Asia e del Sud-America. In sostanza, siamo 70° su circa centocinquanta paesi monitorati.

Colpa soprattutto di quella burocrazia alla quale la Casa delle Libertà in occasione della campagna elettorale della primavera 2001 aveva giurato di fare la guerra. Nel rapporto l'Italia viene spesso citata come l'esempio da non seguire.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il