BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Trovare lavoro:manager e banchieri cercano come elettricisti.E uno offre 50mila euro a chi lo assume

Manager e banchieri in coda per un lavoro. L'hotel Marriott di Broadway come immenso centro di reclutamento. La fiera di New York.



Manager e banchieri in coda per un lavoro. Alla fiera dell’impiego di New York, in cinquemila in fila per trovare un lavoro. Questa di New York, organizzata dalla società specializzata Monster.com, è la più colorita ‘fiera’ multietnica e multiprofessionale cui si ossa assistere oggi:3720 aspiranti lavoratori che girano tra gli stand di 90 aziende che offrono mille posti di lavoro.

Con il business che si contrae, il gigantesco salone delle feste dell'hotel Marriott di Broadway si trasforma in immenso centro di reclutamento: fuori, sulle balconate che circondano l'atrio coperto, si vede il serpentone dei candidati in attesa di registrarsi.

Sono pubblicitari, consulenti finanziari, ex program manager della Lehman Brothers, vice presidenti di banche al tracollo in cerca di un’occupazione dopo i collassi finanziari che hanno investito gli Usa. Coloro in cerca di lavoro, negli Usa come nel resto dei Paesi dove la crisi finanziaria è stata conseguenza diretta della ‘caduta del gigante americano, sono i grandi esponenti dell’economia mondiale, le figure professionali prima più accreditate che di soldi vivevano e che ne erano sommersi e che oggi li cercano come pane per i cittadini comuni.

Dopo nove mesi da disoccupato Jean-Pierre Le Floch, direttore finanziario, francese di 51 anni, si è fatto due conti e ha deciso di inserire nel suo curriculum vitae un compenso per chi gli farà ritrovare il lavoro. Lui è uno pronto ad offrire ‘un premio di 50mila euro’ a chi lo assumerà. Le Floch ammette: “Non ce la faccio più, ho risposto a più di 200 annunci e ho superato una quindicina di colloqui, ma senza poi arrivare ad alcun risultato”.

La manifestazione di New York verrà replicata in altre cento città americane: in un Paese che nel 2008 ha perso oltre due milioni e mezzo di posti di lavoro e che quest'anno registrerà probabilmente un' emorragia ancor più grave, quello delle job fair è uno dei pochi business in espansione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il