BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui interessi più bassi e risparmio su rate di 400 euro. Possibile nuovo taglio tassi interesse?

Ancora tagli dalla Bce. E Trichet annuncia che potrebbero non essere quelli minimi.



Il nuovo taglio della Bce porterà ad una ulteriore riduzione delle rate mensili di circa 400/435 euro l’anno pari a 35 euro al mese e a poco più di un euro al giorno: la stima arriva da Nomisma, calcolandolo sulla base di un mutuo variabile di 125 mila euro a 20 anni.

Entrando nel dettaglio, circa 2 milioni famiglie italiane con mutuo variabile risparmieranno 456 milioni che portano la riduzione della spesa a oltre 2 miliardi rispetto al massimo (Euribor al 5,39%) raggiunto ad ottobre. Una corsa al ribasso senza fine, dunque, quella dei tassi euribor sulla cui base vengono calcolate le rate dei mutui variabili.

E il presidente della Banca Centrale Europea, Jean-Claude Trichet, ha spiegato anche che l’attuale livello dei tassi di interesse potrebbe non essere quello minimo. Nei prossimi mesi potrebbe arrivare un’altra sforbiciata, nonostante lo stesso Trichet abbia più volte dichiarato di non voler portare i tassi di interesse vicini allo zero.

Trichet ha, inoltre, precisato che oltre alla leva dei tassi, la BCE starebbe anche studiando l’ipotesi di nuove misure di intervento per garantire liquidità ai mercati finanziari. La prima azione potrebbe essere quella di acquistare obbligazioni (molto probabilmente titoli di stato) dalle banche.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il