BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Confronto conti correnti online e tassi di interesse più alti per depositi tra le varie banche

Crescono i conti correnti online. Le nuove offerte a confronto.



I Conti Correnti Online sono conti aperti ed utilizzati esclusivamente via internet, di solito senza possibilità di accesso fisico alla banca e agli sportelli reali, condizione valida nei Paesi a più alta industrializzazione. In questo contesto, l’Italia si inserisce offrendo anche la possibilità di fare operazioni sia via internet che allo sportello. Il principio è che entrare a contatto diretto con un addetto della banca prevede un costo dell’operazione più alto. Le banche che in Italia offrono questo servizio sono parecchie e ognuna con tassi di interesse diversi.

Ad aprire le danze è Iw Bank che offre un conto comodo e veloce che permette sempre di effettuare tutte le operazioni bancarie direttamente online a zero spese fisse e con tanti servizi gratuiti. Offe gratuitamente la possibilità di bonifici verso Italia ed estero con una serie di utili funzioni: archivio dei beneficiari, consuntivi in formato PDF e bonifici permanenti, ricariche telefoni cellulari e TV Digitale Terrestre, pagamenti canone RAI e Bollette Telecom e delle imposte relative ai modelli F23-F24, ICI, Cartelle esattoriali, e prevede, inoltre, il pagamento, sempre gratuito, dei bollettini MAV - RAV e Ri.Ba.

In questo ampio panorama non potevano mancare le offerte Unicredit. Si parte da Unicredit Senza pensieri, adatto a coloro che, avendo la possibilità di accredito della pensione o dello stipendio, vogliono una gestione efficace della propria liquidità potendo sostenere eventuali spese impreviste. Unicredi Senza pensieri è apertura di credito in conto corrente che, dietro la retrocessione di un canone fisso mensile, pari a quattro euro, permette l’accredito dello stipendio e della pensione unitamente alla possibilità di usufruire di un fido predefinito pari a 500 euro nel caso in cui intervengano delle spese impreviste.

Grazie al costo fisso viene, inoltre, permesso di eliminare qualsiasi altra spesa. Spicca poi il conto Genius ONE, a solo 1 euro al mese, per avere una carta Bancomat internazionale con microchip, domiciliazione delle utenze e dei pagamenti periodici, documenti online, sconti su i servizi presenti in Genius Online, libretto degli assegni, zero spese di scrittura per tutte le operazioni effettuate con i canali alternativi allo sportello (come Servizi Online e Bancomat) e zero spese di chiusura trimestrale e di fine anno.

Anche Fineco, appartenente al gruppo Unicredit, ha lanciato una nuova promozione. Si tratta di ‘zero canone’ mensile sul conto corrente Fineco per tutti coloro che accrediteranno sul conto la pensione oppure lo stipendio. Il conto corrente Fineco, anziché il canone mensile di 5,95 euro al mese, sarà gratis per sempre grazie alla possibilità di accumulare i bonus per livelli di giacenza e controvalore del deposito titoli, oppure in base al controvalore mensile della compravendita di titoli. Per chi, però, non ha la possibilità di accreditare lo stipendio o la pensione, magari perché svolge un lavoro autonomo, Fineco permette di non pagare il canone mensile di 5,95 euro, se si effettua in un’unica soluzione, e per almeno tre mesi consecutivi, un bonifico mensile non inferiore ai 1.500 euro.

IntesaSanPaolo si affaccia invece nel mondo dei conti corrente con la proposta Conto Benefit, dal canone mensile massimo di sette euro che può azzerarsi in base alle categorie di prodotti sottoscritti: dai mutui al risparmio gestito ai prestiti personali alle carte di credito, le obbligazioni emesse dall’Istituto ed i prodotti previdenziali ed assicurativi. Il canone di Conto Benefit comprende la carta Bancomat, l’estratto mensile, i libretti degli assegni, la banca multicanale, la domiciliazione delle utenze e l’accredito automatico dello stipendio o della pensione.

Uno dei conti correnti ‘low cost’ più interessanti è quello offerto da CheBanca!, la banca del gruppo Mediobanca per i privati e le famiglie. CheBanca! costa solo un euro al mese e comprende tutte le principali operazioni bancarie: dai bonifici all’accredito di pensione o stipendio agli assegni, pagamento delle bollette, bollettini e delle tasse attraverso il modello F24. Gratis è anche la carta bancomat internazione di CheBanca! per effettuare gratuitamente i prelievi presso qualsiasi banca, in tutto il mondo, senza alcune commissione. Per chi, poi, oltre alla carta Bancomat, desidera anche la carta di credito, basta un euro al mese in più per avere una carta di credito del circuito Mastercard.

Una delle nuove proposte riguarda poi il conto Rendimax: dal prossimo 1 aprile, infatti, il suo tasso annuo lordo scenderà dal 4,75% al 4%. Sulla stessa lunghezza d’onda, più o meno, viaggia anche Contoconto.it di Banca Carige, il conto di deposito che, senza vincoli e senza spese, rende il 4,50% lordo annuo per i primi sei mesi. Controconto.it si può aprire e chiudere senza costi e senza spese e si appoggia al proprio conto corrente abituale.

Infine Poste Italiane mette a disposizione dei suoi clienti una nuova promozione sul conto BancoPosta, che prevede, per chi lo sottoscrive entro il 30 aprile 2009, una spesa di tenuta conto pari a un euro al mese se si accreditano sul conto lo stipendio o la pensione. La promozione si chiama ‘Più BancoPosta meno spese’. Per la sua attivazione, i nuovi correntisti avranno accesso alla promozione per il 2009 effettuando almeno sei bonifici, anche non periodici, aventi un ammontare superiore ai 500 euro unitamente ad almeno un addebito riguardante un’utenza domestica (luce, gas, telefono etc.).

Per mantenere i costi di tenuta conto a 12 euro l’anno anche nel 2010 basteranno 10 bonifici di ammontare superiore ai 500 euro insieme all’addebito di almeno cinque utenze domestiche. Per chi, invece, è già correntista, basta rispettare le condizioni valide per i nuovi, per il 2009 ed il 2010, e provvedere ad attivare entro il 30 aprile 2009 la domiciliazione delle utenze e l’accredito automatico dello stipendio o della pensione.
 
Autore:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il