BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ripresa economica: la crisi ha toccato il fondo o quasi. Segnali positivi per Bernanke

Il governatore della Fed, Bernanke, auspica una ripresa lenta ma che presto avverrà. La situazione attuale.



Il governatore della Fed, Ben Bernanke, ha parlato di fronte all’America intera, lui che per tradizione non concede mai interviste e discorsi plateali, ma in tempi di forte crisi e recessione come quelli attuali, il presidente della Fed si è sentito in dovere di rassicurare il Paese e di giustificare le centinaia di miliardi di dollari spesi per salvare banche e assicurazioni e spiegando che la ripresa ci sarà solo quando si saranno stabilizzati i mercati finanziari.

Bernanke è fiducioso che l'uscita da questa catastrofe finanziaria che ha colpito il mondo potrà verificarsi all'inizio del prossimo anno, ma nel frattempo la disoccupazione potrebbe superare il 10%. Quest’anno, secondo le previsioni di Bernanke, la recessione avrà fine e la crisi inizierà a rallentare.

Certo non si tornerà subito a godere di momenti floridi, anche dal punto di vista occupazionale, ma i segnali positivi perché questo processo avvenga ci sono e sono visibili. Speranze positive arrivano anche dagli altri ‘grandi’ dell’economia mondiale. I ministri delle Finanze dell'Eurogruppo e quelli europei del Welfare prima hanno lanciato l'allarme sul continuo deterioramento dell'economia a causa della recessione e sulle conseguenze per l'occupazione, che potrebbero provocare in Europa la perdita di sei milioni di posti di lavoro entro il 2010, poi hanno ammesso segni di lenta ripresa.

Nel frattempo, il commissario per gli Affari Economici , Joaquin Almunia, ha ammesso che le sue previsioni economiche del gennaio scorso vanno riviste al ribasso e ha cancellato gli annunciati miglioramenti nel 2009. Anche il presidente della Banca centrale europea Jean-Claude Trichet ha rinviato le speranze di risalita al 2010 indicando però “una serie di elementi che suggeriscono un avvicinamento della ripres, come i piani statali a sostegno dell' economia e i cali dei prezzi delle materie prime”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il