BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Fare passaporti e chiedere certificati nel minor tempo possibile: direttamente nella propria azienda

Nuovo accordo fra il ministro Brunetta e Unioncamere nell'ambito del progetto Reti Amiche. Le novità.



Il ministro della Funzione Pubblica, Renato Brunetta, ha firmato un nuova intesa con il presidente di Unioncamere, Andrea Mondello, nell’ambito del progetto Reti Amiche.

Si tratta di un piano di collaborazioni volontarie che consente ai cittadini e alle aziende di ottenere servizi pubblici tramite canali di distribuzione alternativi alla Pa. Prima sono state coinvolte nel progetto attività come tabaccai, le Poste italiane, poi l’Abi e i notai e ora tocca a Unioncamere. L’obiettivo del progetto è consentire ai dipendenti di ottenere un certificato, rinnovare il passaporto o effettuare versamenti all'Inps, semplicemente utilizzando un computer messo a disposizione sul luogo di lavoro e collegato alla rete di Unioncamere.

Il ministro Brunetta ha spiegato che l’accordo con Unioncamere rappresenta “il primo passo per far dialogare la Pubblica amministrazione e i 16 milioni di lavoratori pubblici e privati. Tramite Unioncamere si raggiungeranno poi una serie di accordi derivati con la Confindustria, la Confapi e le altre associazioni imprenditoriali affinchè in ogni posto di lavoro ci sia un terminale intelligente che permetta ai lavoratori di incontrare la Pubblica Amministrazione senza chiedere permessi e lasciare il proprio posto di lavoro per pagare le tasse, rinnovare il passaporto e così via”.

I primi 50mila terminali saranno operativi entro il mese di maggio, con l'obiettivo di raddoppiare la rete entro il primo anno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il