BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Prestiti alle Pmi: fondo di garanzia concordato tra Berlusconi e Marcegaglia. Una svolta?

Un fondo di garanzia per le pmi di 1,3 miliardi di euro. Il vertice tra il premier Berlusconi e il presidente Marcegaglia.



Il vertice svoltosi a Palazzo Chigi tra il premier Silvio Berlusconi ed Emma Marcegaglia ha portato ad una intesa sui fondi per le piccole e medie imprese. Il presidente di Confindustria ha assicurato che il governo presto approverà un fondo di garanzia per le piccole e medie imprese di 1,3 miliardi di euro e che potrà garantire alle Pmi 60-70 miliardi di euro di crediti.

Oltre al fondo di garanzia per le Pmi, la Marcegaglia ha sottolineato che si è discusso di un’altra cosa importante che le stava più a cuore perché garantisce il credito alle imprese, “Confindustria ha avuto garanzie su un'altra richiesta: l'innalzamento della soglia di compensazione tra debiti e crediti con l'erario da 560mila euro a 1 milione di euro. Ci è stata data garanzia che sarà fatto nei prossimi giorni. Governo e industriali sono invece ancora al lavoro sui crediti delle imprese nei confronti della pubblica amministrazione”.

Il presidente degli industriali ha, infatti, detto che “è stata data certezza sull'innalzamento della compensazione tra crediti e debiti di imposta dagli attuali 516 mila euro a un milione di euro”.

Poi ha rilanciato sull’allarme crisi e sulla possibilità di finanziamenti alle pmi e, riprendendo ciò che aveva detto sabato scorso, ha detto: “Alcuni soldi sono veri (facendo l'esempio del fondo di garanzia e della compensazione tra debito e credito d'imposta) altri ci sono stati promessi”. Un nuovo vertice è previsto il prossimo 25 marzo.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il