BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Multe più pesanti, carcere ma anche patente a 17 anni. Le novità del codice della strada proposto

Pronte nuove miscure più severe per il codice della strada sulla sicurezza. Le modifiche.



Crescono le misure restrittive previste dalle novità del nuovo codice per la sicurezza stradale pronto ad approdare in Consiglio dei Ministri. Dal foglio rosa a 17 anni, alla scatola nera a bordo delle automobili, al divieto assoluto di alcol per giovani e autisti di professione, assistenza alle vittime della strada come misura alternativa al carcere sono solo alcune delle novità previste dal nuovo codice anticipato dal ministro dei Trasporti, Altero Matteoli.

Si parte, innanzitutto, da una maggiore rigidità per quanto riguarda la tabella dei tassi alcolici: sale a sei mesi dagli attuali tre il minimo di arresto per chi guida con un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro o sotto l'effetto di droga,  prevista l'introduzione del tasso alcolemico zero, un divieto assoluto di bere alcolici per chi ha meno di 21 anni e per chi è alla guida per lavoro (autisti, autotrasportatori).

Il testo prevede poi l'introduzione di multe più alte anche per l'eccesso di velocità: per esempio, un aumento da 370 a 500 euro delle sanzioni minime per chi supera il limiti di oltre 40 km/h e meno di 60 km/h e da 1.458 a 2.000 euro delle sanzioni massime. Con in aggiunta la sospensione della patente da tre a sei mesi e può inoltre arrivare fino a 3.200 euro l'aumento previsto per la multa massima per chi supera i limiti di oltre 60 km/h.

In caso di incidente che abbia provocato la morte ci sarà il ritiro immediato della patente, con una sua sospensione fino a quattro anni. Ma se il conducente è in stato di ebrezza o drogato si arriva al ritiro immediato della patente e sospensione provvisoria fino a cinque anni. Mentre un drogato al volante, anche se non ha provocato nessun incidente, fra le altre cose rischia un'ammenda da euro 1.500 a euro 6.000 e l'arresto da sei mesi ad un anno.

Tra le possibili novità, anche l'introduzione sperimentale della scatola nera, in modo da poter ricostruire la condotta di guida o la dinamica di incidenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il