BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Moneta unica mondiale: la Cina la vuole, ma dagli Usa arriva un secco no

Sostituire il dollaro come valuta di riserva: la proposta della Cina.



La Cina lancia una proposta: sostituire il dollaro come valuta di riserva, proposta interessante per il direttore generale dell'Fmi, Dominique Strauss-Kahn. Zhou Xiaochuan, governatore della Banca Centrale cinese ha proposto di utilizzar e gli Sdr, con alcune sostanziali modifiche, al posto del dollaro.

Gli Sdr, Special Drawing Rights del Fondo Monetario Internazionale (diritti speciali di prelievo), sono una moneta sovranazionale varata nel 1969, oggi utilizzati solo come strumento contabile all'interno del Fondo e il suo valore è determinato da un paniere delle principali valute (dollaro, euro, yen e sterlina). Un Sdr vale circa 0,85 euro.

Senza dubbio, alcuni osservatori, notano che l'idea lanciata dalla Cina sia dettata dalle preoccupazioni dei potenziali rischi inflazionistici che minacciano il dollaro. Ricordiamo che la Cina è la maggior detentrice di titoli di debito Usa. Ma, alla proposta cinese, gli Usa rispondono con un secco no. Il ministro del Tesoro Geithner ha ribadito che “Il dollaro resterà la valuta di riserva dominante nel mondo.

Come Paese faremo quanto necessario per assicurarci che ci sia fiducia nei nostri mercati finanziari” E ha aggiunto: “Capisco la proposta della Cina: si tratta di un'idea disegnata su un aumento dell'utilizzo degli Sdr del Fmi. Siamo abbastanza aperti su questo”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il